Permuta: Prestazione di servizi contro prestazioni di servizi

L’operazione di prestazione di servizi in pagamento di altre prestazioni di servizi  è, ai fini IVA, regolata dall’art. 11 del Dpr 633/1972, rubricato “Operazioni permutative e dazioni in pagamento”.
Per capire se e come applicare l’IVA occorre innanzitutto verificare i tre presupposti dell’imposta: soggettivo, oggettivo e territoriale.

Posto che tutti i presupposti Iva siano rispettati, occorre capire quando le operazioni possono ritenersi effettuate. Infatti l’effettuazione dell’operazione genera l’esigibilità dell’imposta e quindi i relativi adempimenti di fatturazione.

Per semplificare  prendiamo ad esempio due società, Alfa e Beta, le quali stipulano un contratto in cui Alfa si impegna ad effettuare una prestazione di servizi nei confronti di Beta, in cambio di una prestazione di servizi di Beta verso Alfa. Le prestazioni saranno entrambe svolte in Italia. In questo caso è evidente che non c’è un prezzo in denaro, ma il corrispettivo è rappresentato dal servizio reciproco tra Alfa e Beta.

Per rendere ancora più semplice il ragionamento ipotizziamo che:
– Alfa rende il proprio servizio a Beta il 1 Novembre 2011
– Beta rende il proprio servizio a Alfa il 20 Novembre 2011

Secondo l’art. 6, quarto comma, del Dpr 633/72, l’operazione si considera effettuata all’atto del pagamento del corrispettivo o, se anteriormente sia emessa fattura,  l’operazione si considera effettuata, limitatamente all’importo fatturato  alla data della fattura.

Quindi Beta emetterà una fattura di vendita, con IVA, ad Alfa giorno 1 Novembre, in quanto la sua futura prestazione (del 20 novembre) è già stata pagata (con la prestazione di Alfa).
Mentre, Alfa emetterà fattura di vendita, con IVA, a Beta il 20 Novembre, giorno in cui riceverà il servizio.

Infine, per determinare la base imponibile IVA bisogna far riferimento al valore normale dei servizi prestati, artt. 13-14 del Dpr 633/72.

Per completezza di argomento si aggiunge che ove, uno dei due contraente, o entrambi,  sia professinista, il momento del pagamento fa decorrere il termine per il versamento della ritenuta irpef.